Betaglucani: preziosi polisaccaridi per il sistema immunitario

E’ ormai assodato che la nostra salute dipenda in gran parte dal buon funzionamento del nostro sistema immunitario. Un sistema immunitario troppo debole infatti, può farci ammalare o provocare delle infezioni così come un sistema immunitario troppo reattivo o che esula da un ciclo di salute sano può portare ad allergie o a malattie autoimmuni. Le ultime ricerche stanno sempre più dimostrando che, in caso di insorgenza di cancro, un sistema immunitario malfunzionante può essere la causa.

I betaglucani e il loro effetto positivo

Le sostanze immunomodulanti sono quindi oggetto di intenso studio in questo senso. Tra queste annoveriamo i betaglucani – un gruppo di speciali polisaccaridi, quindi di zuccheri complessi, contenuti nei funghi medicinali che nel frattempo sono ben noti alla scienza. I polisaccaridi contenuti nei funghi fungono in particolare da sostanze di sostegno e di riserva. Nell’organismo umano hanno molti effetti positivi: ad es. anche la funzione vaso protettiva, l’irrorazione sanguigna e la disintossicazione. La funzione primaria tuttavia, e ciò vale in particolare per i betaglucani, è quella di modulare il sistema immunitario. I betaglucani possono anche agire sui diversi meccanismi di autodifesa del corpo. In particolare l’attivazione di cellule di difesa nel sangue, la stimolazione della produzione di anticorpi e il rilascio di messaggeri chimici che segnalano al corpo che il sistema immunitario deve reagire. Oltre a ciò, ai betaglucani viene attribuita tutta una serie di ulteriori effetti come l’influenza positiva di diversi meccanismi metabolici. La combinazione di tali diversi effetti ha dimostrato ottimi effetti nella terapia adiuvante del cancro. Tali sostanze preziose possono efficacemente sostenere il corpo durante il pesante periodo della chemio- o radioterapia, ridurre il rischio di infezioni e così ridurre anche l’eventualità che il ciclo terapeutico intrapreso debba essere interrotto a causa di un cattivo stato di salute generale.

Agaricus blazei Murrill: alta concentrazione di betaglucani

blazei-plus.jpgAlcuni funghi medicinali contengono nello specifico betaglucani e/o polisaccaridi che possono essere estratti e trovare un impiego in medicina. Tra questi troviamo, tra gli altri, la sostanza Krestin (PSK) estratta dal Coriolus versicolor, il Lentinano dallo Shiitake e il Grifolano dal Maitake. Straordinariamente elevata è la concentrazione dei polisaccaridi nel fungo vitale Agaricus blazei Murrill (ABM). Il suo potenziale di efficacia è stato studiato in diversi contributi scientifici che hanno dimostrato che l’assunzione di estratto ABM porta ad un’effettiva moltiplicazione ed attivazione di importanti cellule di difesa nel corpo. I funghi medicinali contenuti nei polisaccaridi contengono quindi un potenziale notevole per il buon mantenimento e anche per la guarigione degli uomini. Possono servire sia alla prevenzione di affezioni ma hanno anche una funzione adiuvante nel quadro di una terapia complessiva. Essi stimolano e regolano le diverse sfaccettature del sistema immunitario e hanno dato quindi ottimi risultati in tutta una serie di campi di applicazione. In linea di principio è raccomandabile l’impiego dei polisaccaridi in alcune fasi della vita in cui il sistema immunitario è oltremodo sovraccarico, in particolare a causa di una malattia o anche per un elevato stress psichico.