Psoriasi: malattia della pelle

La psoriasi è una malattia della pelle che colpisce circa 80 milioni di persone in tutto il mondo. Può insorgere a qualsiasi età, anche se di solito compie la sua prima apparizione tra i 15 e i 35 anni. Non è contagiosa né rappresenta una minaccia vitale ma è un fattore di rischio per l’insorgenza di altre patologie, come artrite-psoriasica, diabete, patologie cardiache e depressione. La psoriasi può essere leggera, moderata o severa e può presentarsi sotto aspetti diversi, ma nell’80% dei casi è rivelata da un sintomo preciso: le placche, arrossate e con desquamazione, che possono sorgere in qualsiasi parte del corpo. Alle cause della psoriasi possono contribuire diversi fattori: stress, peso eccessivo, colesterolo alto, fumo e alcol. La tendenza a svilupparla può essere ereditaria. Per la diagnosi il più delle volte è sufficiente osservarne le manifestazioni. In alcuni casi la biopsia su un piccolo campione può confermare la diagnosi. Le terapie utili a curare la psoriasi sono di quattro differenti tipologie: le fototerapie, per le quali si utilizzano i raggi ultravioletti; le terapie biologiche, farmaci che agiscono sul sistema immunitario fino ad alterare il sistema di sviluppo della malattia;

le terapie topiche, con trattamenti a uso esterno e localizzato sulle lesioni;

vandel-proker-crema

le terapie sistemiche orali, che agiscono su tutto il corpo per mezzo di compresse o iniezioni;

Agaricus blazei-basicreishi-basic